Massa di Somma: abbattimenti e sgomberi contro l'abusivismo

A Massa di Somma grande operazione contro l'abusivismo: sono stati abbattuti alcuni manufatti abusivi realizzati al confine con l'area protetta del parco nazionale del Vesuvio e sgomberati alcuni locali comunali occupati abusivamente

Alcuni manufatti abusivi realizzati al confine con l'area protetta del parco nazionale del Vesuvio, a Massa di Somma, sono stati abbattuti, mentre alcuni locali comunali occupati abusivamente sono stati sgomberati. L'operazione ha visto la collaborazione dell'amministrazione comunale di Massa di Somma, guidata dal sindaco Antonio Zeno, con la polizia di Stato.

 Lo Stato ha regole e leggi da rispettare 
Stamattina sono stati abbattuti un box e alcuni locali realizzati abusivamente nella zona della ex 219, ed al confine con il parco nazionale del Vesuvio, per un totale di circa 210 metri quadrati, e si è provveduto allo sgombero di locali ed aree di proprietà pubblica, occupate senza titolo.

Ha spiegato il sindaco Zeno in una nota: "Con le operazioni di oggi abbiamo dimostrato che lo Stato ha regole e leggi da rispettare e che la sicurezza va percepita dai cittadini come un diritto primario e componente indispensabile della qualità della vita". Il sindaco, inoltre, ha sottolineato che da tempo l'amministrazione comunale ha avviato una "intensa attività per migliorare le condizioni di vivibilità nel centro