Degrado al Centro Direzionale, sgomberata baraccopoli di clochard

A coordinare le operazioni il Consorzio Ge.se.ce.di, che sottolinea: "Senzatetto indirizzati verso organizzazioni benefiche per l'opportuna assistenza"

Nei giorni scorsi coordinata dal Consorzio Ge.se.ce.di è stata effettuata un'azione di pulizia e sanificazione al di sotto del Centro Direzionale di Napoli.

È stata sgomberata la baraccopoli allestita con materiale di fortuna - legno, cartone, materassi, vestiario, griglie per cucinare - da diversi senzatetto, questi indirizzati verso - rende noto il Consorzio - verso "organizzazioni benefiche per l'opportuna assistenza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'intervento di rimozione dei materiali e di pulizia e sanificazione è stato coordinato dal consorzio Ge.se.ce.di, nella persona del geometra Gennaro Vallefuoco - spiega il Consorzio - responsabile della Vigilanza, con la collaborazione dell'Asìa nella persona dell ispettore di zona Ciro Calderazzi, della Polizia Locale, della Protezione Civile Le Aquile nella persona del presidente Gennaro Barone e dell'associazione di Protezione civile Puma".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

Torna su
NapoliToday è in caricamento