Ricatti hard ad un prete: sospeso

Il caso del parroco di Succivo, nato a Giugliano, ha turbato la comunità

La Diocesi di Aversa ha sospeso il parroco di Succivo (originario di Giugliano), finito al centro di un ricatto hard perpetrato da due ragazzi di 22 e 24 anni, poi arrestati dai carabinieri, con l’accusa di stalking ed estorsione.

“Le notizie sulla denuncia per tentata estorsione al parroco di Succivo, vista anche la particolare natura dell’azione estorsiva, trovano la Diocesi profondamente consapevole della gravità dei fatti”, chiarisce in una nota la Diocesi.

Secondo quanto trapela il ragazzo ucraino coinvolto nello scandalo avrebbe un filmato in cui si vedrebbe il prete e da lì sarebbero partite le richieste di denaro a fini estorsivi ai danni del parroco (fino a mille euro).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento