Sequestrati tre opifici tra Poggiomarino e Terzigno

Multe per 110mila euro ed identificati 14 cinesi senza permesso di soggiorno. Protagonisti i commissariati di Torre del Greco e San Giuseppe Vesuviano

Due giorni di serrata attività di controlli da parte della polizia hanno portato al sequestro di tre opifici nelle città di Terzigno e Poggiomarino. Ad eseguirli sono stati gli agenti dei commissariati di Torre del Greco e San Giuseppe Vesuviano che hanno passato al setaccio tutta l'area del distretto tessile ai piedi del Vesuvio. Il risultato sono state contravvenzioni per un totale di 110mila euro e il sequestro delle tre fabbriche sprovviste della regolare documentazione che viene rilasciata dal comune.

Fino a quando non regolarizzeranno la loro posizione non potranno svolgere attività all'interno dei locali sottoposti a sequestro. All'interno delle fabbriche controllate venivano utilizzati anche lavoratori cinesi sprovvisti di permesso di soggiorno ed in totale sono state 13 le persone straniere identificate e quattro risultate già destinatarie di provvedimenti e segnalate all'autorità giudiziaria per le operazioni di rimpatrio.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Allerta meteo, il comunicato ufficiale del Comune di Napoli su parchi e scuole

  • Incidenti stradali

    Tragedia in via Vespucci: camion travolge e uccide clochard

  • Sport

    Quagliarella record e Izzo debutta: Nazionale targata Napoli

  • Cronaca

    Stupro in stazione, confermata la violenza: "Vittima rimasta inerme"

I più letti della settimana

  • Violenza sul lungomare, maxi rissa davanti ai bambini

  • Gioca 1 euro su cinque numeri: vinto un milione di euro a Volla

  • Ritrovata Alessia Ciccone, era in un appartamento a Nola

  • Gennaro Rega si spegne giovanissimo, lutto a Brusciano

  • Torna il vento forte su Napoli e Campania: scatta l'allerta meteo della Protezione Civile

  • Un Posto al Sole, anticipazioni puntate dal 25 al 29 marzo

Torna su
NapoliToday è in caricamento