Fuochi proibiti, maxi sequestro in un plesso scolastico di Bagnoli

L'operazione della Polizia Municipale di Napoli

La Polizia Municipale di Napoli ha attivato una serie di controlli sul territorio finalizzati a prevenire e reprimere il commercio ambulante e illegale di fuochi d’artificio che si manifesta in occasione dei prossimi festeggiamenti per il Capodanno.

La Unità Investigativa Centrale, a seguito di segnalazioni anonime e di una attenta attività di osservazione, ha effettuato un'irruzione in un plesso scolastico occupato di Bagnoli ed all’interno della struttura sono state rinvenute 280 batterie di petardi di genere proibito, sottoposte a sequestro.

Inoltre a seguito di pedinamenti e controlli, con osservazione di personale in abiti ed auto civili, è stato individuato un deposito di fuochi di artificio proibiti ubicati in un cortile ai piani inferiori di un edificio circondato da altre abitazioni abitate, riuscendo ad identificare anche il responsabile, un 51enne residente nel quartiere di Ponticelli, pregiudicato già conosciuto alle forze di polizia.

Nascosti nel deposito in via Cupa Tierzo a Ponticelli sono stati rinvenuti moltissimi petardi di genere proibito per una massa attiva di 380 pezzi per complessivi 650 kg. Il responsabile è stato tratto in arresto e sottoposto ai domiciliari per essere giudicato con il rito direttissimo presso il Tribunale di Napoli.

Gli interventi di controllo in atto che proseguiranno fino al ridosso della notte di San Silvestro stanno interessando anche le aree periferiche della città e continueranno nelle prossime ore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • L'Amica Geniale, anticipazioni quinto e sesto episodio 24 febbraio 2020

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Chiusura Kestè, Fabrizio Caliendo: "La mia vita ha più valore dei soldi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento