Operai "in nero" e clandestini, nei guai imprenditore del Napoletano

L'uomo, un 30enne di Sant'Antimo, si è visto sequestrato l'opificio. Dovrà pagare una sanzione superiore ai 100mila euro

Opificio

Denunciato oggi un imprenditore 30enne di Sant’Antimo, amministratore di un opificio tessile in via Piave di Casandrino. L'uomo è ritenuto dai carabinieri responsabile di violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e di impiego di manodopera clandestina.

Nel corso di un'ispezione nella sua fabbrica, i militari hanno trovato al lavoro 21 lavoratori, 16 dei quali in "nero" e nove dei quali privi di permesso di soggiorno.

La multa per l'imprenditore è salatissima: 139mila e 709,80 euro di sanzioni penali, e sanzioni amministrative per 62mila e 600. Sottoposti a sequestro penale 28 macchinari per la produzione di abiti e il locale, di 102 metri quadri.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Tutta napoli lavora a nero adirittura ci sono persone impiegati comunalinr statali che hanno il doppio lavoro e si mettono d accordo che.lavorano a nero perche gia hanno un lavoro

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Duro colpo al clan dopo la denuncia di un giovane immigrato: 10 arresti

  • Cronaca

    Alitalia, ministro De Vincenti: "No nazionalizzazione, soluzione è il mercato"

  • Cronaca

    Paura a Melito, 43enne ricoverata per meningite

  • Cronaca

    Piazza Garibaldi, cambia il dispositivo di traffico: lunghe code

I più letti della settimana

  • Incidente ferrovia del Brennero, campane le due vittime

  • Strage familiare in Svizzera: morti tre napoletani

  • "Ci sono tanti problemi, iniziamo a coprire le buche a Napoli"

  • Edenlandia, ci siamo: "Riapertura a breve con un evento importante"

  • Melito, donna precipita dal quarto piano: muore sul colpo

  • “C'è uno straniero col mitra”: pomeriggio di psicosi a Fuorigrotta

Torna su
NapoliToday è in caricamento