Operai "in nero" e clandestini, nei guai imprenditore del Napoletano

L'uomo, un 30enne di Sant'Antimo, si è visto sequestrato l'opificio. Dovrà pagare una sanzione superiore ai 100mila euro

Opificio

Denunciato oggi un imprenditore 30enne di Sant’Antimo, amministratore di un opificio tessile in via Piave di Casandrino. L'uomo è ritenuto dai carabinieri responsabile di violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e di impiego di manodopera clandestina.

Nel corso di un'ispezione nella sua fabbrica, i militari hanno trovato al lavoro 21 lavoratori, 16 dei quali in "nero" e nove dei quali privi di permesso di soggiorno.

La multa per l'imprenditore è salatissima: 139mila e 709,80 euro di sanzioni penali, e sanzioni amministrative per 62mila e 600. Sottoposti a sequestro penale 28 macchinari per la produzione di abiti e il locale, di 102 metri quadri.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Tutta napoli lavora a nero adirittura ci sono persone impiegati comunalinr statali che hanno il doppio lavoro e si mettono d accordo che.lavorano a nero perche gia hanno un lavoro

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tragedia a Scampia, neonato di quattro mesi trovato morto nella culla

  • Cronaca

    Tragedia sulla statale, morto un 28enne. Gravi tre suoi familiari

  • Cultura

    Enzo Avitabile vince il David di Donatello 2017

  • Politica

    De Magistris: "Potrei candidarmi alla guida del Paese"

I più letti della settimana

  • Tragico incidente nel napoletano, coinvolta un'intera famiglia: un morto e tre feriti gravi

  • Paura al Vomero, in fiamme Napoli Centrale

  • Terribile schianto sull'autostrada, muore 45enne di San Giuseppe Vesuviano

  • Scomparsa Luigi Celentano, finto avvistamento a Castellammare

  • Infarto in scena per l'attore napoletano Massimo Lopez

  • Morte Luca Mancini, intervista alla moglie: "Il dolore più grande è di non poter essere genitori assieme"

Torna su
NapoliToday è in caricamento