Maxi sequestro di merci e capi contraffatti, cinque persone denunciate

La scoperta dei finanzieri è avvenuta per delle continue spedizioni provenienti dall'Est Europa

Tra Napoli, Arzano, e la provincia di Caserta, sono stati sequestrati – nel corso di controlli del territorio – capi di abbigliamento, scarpe e accessori contraffatti per un valore di oltre 200mila euro.

Sono oltre 6mila gli oggetti sequestrati dalle fiamme fialle del nucleo di polizia economicofinanziaria di Napoli. Ad insospettire i finanzieri erano state alcune spedizioni di merci provenienti dai paesi esteri – in particolare Est Europa – effettuate attraverso i più noti corrieri internazionali.

In particolare, sono stati individuati dei destinatari “seriali” della merce contraffatta, grossisti di abbigliamento e di accessori falsi. Questi, a loro volta, rivendevano i prodotti importati prevalentemente a cittadini extracomunitari, che li avrebbero poi venduti soprattutto nelle strade dello shopping napoletano. I sequestri hanno riguardato cinture, borse, tshirt, felpe, oltre che calzature e profumi, tutti riportanti noti marchi commerciali.

Contestualmente tre cittadini senegalesi residenti a Napoli e due italiani, uno residente a Napoli e l’altro a Marcianise, sono stati denunciati a piede libero per ricettazione e detenzione di prodotti contraffatti.

Si indagherà adesso per individuare i canali di approvvigionamento dei prodotti e gli altri soggetti coinvolti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

Torna su
NapoliToday è in caricamento