Aziende del clan Sarno: sequestro da due milioni di euro

Sotto chiave un'azienda di prodotti caseari e una concessionaria d'auto a Sant'Anastasia

Un'azienda casearia e una concessionaria d'auto di pregio sono state sequestrate a due persone, padre e figlio, ritenuti vicini al disciolto clan Sarno. I sequestri sono stati effettuati dai carabinieri del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna su disposizione del Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Napoli e su richiesta della Dda partenopea. Il provvedimento riguarda due aziende di Sant'Anastasia, zona d'influenza del clan.

Le indagini 

I carabinieri hanno scoperto che le aziende erano intestate alle due persone nonostante avessero un modesto reddito familiare. Secondo gli investigatori, in realtà, i capitali che le alimentavano appartenevano al clan disciolto e i due non facevano altro che da prestanome. In totale il valore delle due attività era di due milioni di euro. Entrambe sono state affidate all'amministrato giudiziario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

concessionaria-4

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

Torna su
NapoliToday è in caricamento