Carnevale sicuro, sequestrati 300mila articoli tra Napoli e provincia

Si tratta di prodotti privi di marchio CE e di ogni altra indicazione prevista dalla legge nazionale e comunitaria, requisiti dalle fiamme gialle in 39 diversi negozi

Immagine d'archivio

La guardia di finanza napoletana, in occasione dei festeggiamenti di Carnevale, ha sequestrato 300.000 articoli privi di marchio CE e di ogni altra indicazione prevista dalla legge nazionale e comunitaria.

I sequestri sono avvenuti in 39 distinte situazioni, nei confronti di altrettanti commercianti, anche ambulanti, tra Napoli, Frattamaggiore, Cardito, Gragnano, Volla e Sorrento.

Sono state requisite maschere, costumi, giocattoli, gadget, cosmetici, cover ed accessori per cellulari, nonché dispositivi informatici ed elettronici.

Contestualmente, i militari hanno denunciato per ricettazione e commercio di prodotti falsi 15 persone, tra italiani e stranieri, mentre altri 4 sono stati segnalati alla Camera di Commercio per violazioni di natura amministrativa.

L’operazione - fanno sapere le fiamme gialle - "rientra in un più ampio piano provinciale di attività svolte dalla Guardia di Finanza di Napoli finalizzate al contrasto degli illeciti economico-finanziari connessi al commercio di prodotti non sicuri e/o contraffatti e persegue un duplice
obiettivo: salvaguardare l’economia legale e gli imprenditori onesti, cui si affianca l’imprescindibile esigenza di tutelare la salute e la sicurezza dei consumatori, soprattutto di quelli più piccoli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

Torna su
NapoliToday è in caricamento