Taxi, stop anche a Napoli: disagi all'aeroporto e alla stazione centrale

La protesta dei tassisti contro l'emendamento al Milleproroghe si espande anche a Napoli. Da stamane alle 8 tassisti in "assemblea permanente"

Tocca a Napoli. Dopo le proteste di Milano e Roma, anche nel capoluogo partenopeo i tassisti trasformano l'agitazione in "assemblea spontanea e permanente", il tutto in attesa degli esiti della riunione che si svolgerà domani a Roma nella sede del Ministero dei Trasporti.
La categoria protesta contro un emendamento al decreto Milleproroghe che – secondo i tassisti – spianerebbe la strada ad Uber.

Intanto lo stop di oggi, iniziato intorno alle 8 di stamane, è evidente soprattutto nei pressi dei principali snodi cittadini. All'aeroporto di Capodichino vengono diffusi in queste ore annunci per segnalare i disservizi. Gli stalli all'esterno del Terminal Arrivi sono vuoti.

Situazione simile alla Stazione Centrale di Napoli. Le auto bianche sono nei posteggi, ma i tassisti non effettuano corse. Garantite soltanto quelle per invalidi, anziani non autosufficienti e medici che debbano raggiungere ospedali e luoghi di cura.

INSEGUIMENTO - Un taxi, con a bordo alcuni turisti stranieri, che dovevano recarsi all'aeroporto di Capodichino per prendere un volo, sarebbe stato fermato con veemenza da un gruppo di tassisti, dopo un inseguimento terminato all'altezza di piazza Borsa. Il taxi degli inseguitori avrebbe tagliato la strada al veicolo con a bordo i turisti, per poi costringerli a scendere, inscenando un investimento mai avvenuto. Sul posto è giunta una pattuglia della polizia per accertare l'esatta dinamica dei fatti e per raccogliere le testimonianze.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Napoli usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio

  • Lutto nella moda, scompare la signora Di Fiore Settanni: era emblema dello stile caprese

  • Lutto in casa Napoli: si è spento Mistone, terzino in azzurro negli anni '50 e '60

  • Cosa ci fa una cuccia al centro di Piazza Garibaldi? La risposta

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

Torna su
NapoliToday è in caricamento