Sciopero trasporti anche il 6 novembre: si fermano i dipendenti CTP

Da tempo in agitazione, i lavoratori della Compagnia di Trasporto della Provincia napoletano incroceranno le braccia per 4 ore martedì 6 novembre. Occupata la sede dell'azienda ad Arzano

Prosegue lo stato d'agitazione dei lavoratori della Ctp, Compagnia di trasporto della Provincia napoletana. I sindacati Cgil, Cisl, Uil e Cisal hanno occupato la direzione della sede aziendale, ad Arzano. La crisi dell'azienda ha indotto i lavoratori a proclamare lo sciopero per la giornata di martedì 6 novembre. Braccia incrociate per quattro ore. 

Lo sciopero si svolgerà secondo le seguenti modalità:

Personale di Esercizio: dalle ore 9,30 alle ore 13,30;

Amministrativi: le ultime 4 ore della prestazione lavorativa. 

Sarà comunque garantito il servizio di trasporto pubblico nelle fasce orarie: 5.00-8.00 e 16.30-19.30

LA PROTESTA DEI DIPENDENTI CTP 

“Il rapporto tra proprietà, Città Metropolitana, ed Azienda, Ctp, è oramai in cortocircuito e i 700 lavoratori che responsabilmente fino a ieri hanno prestato servizio pur senza stipendio da 2 lunghissimi mesi e senza buoni pasto da addirittura 7 mesi sono l’agnello sacrificale, l’ostaggio, di questa situazione surreale fatta di ritardi, incapacità amministrativa e miopia politica”. Lo dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale della Campania Ermanno Russo.

“A nulla sono servite le interlocuzioni con la Regione su questa vertenza, Regione che - è bene precisarlo - nulla c’entra con il pagamento delle spettanze e con la gestione dell’Azienda, che è di proprietà dell’ex Provincia di Napoli. A nulla sono serviti i tavoli di questi mesi, tra cui uno molto partecipato presso la Commissione Trasporti del Consiglio regionale. A nulla è servita la disponibilità di 700 famiglie che hanno stretto i denti dinanzi al mancato pagamento degli stipendi per i loro familiari, perché di mezzo c'era un servizio pubblico da assicurare ai cittadini. La vicenda è tutta interna alla Città Metropolitana e alle dinamiche afferenti alla politica di Città Metropolitana”, prosegue Russo.

“È atroce tuttavia assistere inermi alla devastazione di un patrimonio di capitale umano di una grande famiglia quale è la Compagnia Trasporti Pubblici di Napoli. Ci auguriamo che presto chi deve battere un colpo lo faccia e si ponga fine a questa triste pagina per il sistema del trasporto campano, per i cittadini e per i lavoratori”, conclude il vicepresidente Russo.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Napoli usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

Torna su
NapoliToday è in caricamento