Schiaffeggiò la maestra del figlio: non potrà più avvicinarsi alla scuola

La vicenda lo scorso 20 settembre a Castellammare di Stabia. L'uomo si presentò in una stanza dell'istituto dove era in corso una riunione dei professori. Denunciato con l'accusa di lesioni e violenza privata

Un'aula

Pugno di ferro della legge nei confronti di un cittadino stabiese autore di un’aggressione ai danni di due insegnanti. Gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza Castellammare hanno dato esecuzione ad un'Ordinanza di applicazione della misura cautelare emessa dal Tribunale di Torre Annunziata ufficio del GIP, a carico di M.D. di 33 anni.

La misura trae origine da un episodio accaduto lo scorso 20 settembre in un istituto di via Monaciello. In quella data, l’uomo si presentò in una stanza dove era in corso una riunione dei docenti schiaffeggiando dapprima l'insegnante del figlio e subito dopo un'altra docente intervenuta nel vano tentativo di difendere la collega dalla violenta aggressione.

Dopo l'aggressione le due insegnanti furono medicate presso l'Ospedale San Leonardo e l'uomo denunciato all'A.G. per i reati di lesioni e violenza privata. Il provvedimento emesso dall'A.G. eseguito dagli agenti ha imposto a M.D. di non avvicinarsi a meno di 500 metri dai luoghi di lavoro e di abitazione delle docenti e dei loro familiari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

Torna su
NapoliToday è in caricamento