Intercettazioni non autorizzate, scarcerati 13 presunti appartenenti ai De Micco

L'impianto accusatorio si reggeva su registrazioni ambientali che però in fase preliminare non erano state specificate dal giudice. Fuochi d'artificio a Ponticelli

Tutti, tredici presunti appartenenti ai De Micco della periferia Est di Napoli, assolti e scarcerati. È finita così la vicenda processuale del presunto boss Giuseppe Casella, dei fratelli, della moglie e dei presunti affiliati.

L'impianto accusatorio si reggeva, oltre che su quanto dichiarato da diversi collaboratori di giustizia, anche e soprattutto su numerose intercettazioni captate in casa e in carcere: il pm aveva chiesto per tutti gli imputati pene superiori ai 10 anni, addirittura 20 per i tre fratelli.

Eppure gli avvocati della difesa sono riusciti a dimostrare che il giudice, in fase preliminare, aveva autorizzato intercettazioni solo per telefonate e non per ambienti. Un vizio procedurale delle indagini che ha del tutto smontato le accuse a carico degli imputati.

Numerosi i fuochi d'artificio sparati nella notte a Ponticelli, a quanto pare proprio a festeggiare il "buon" esito del processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • L'Amica Geniale, anticipazioni quinto e sesto episodio 24 febbraio 2020

  • Chiusura Kestè, Fabrizio Caliendo: "La mia vita ha più valore dei soldi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento