Donate duecento coperte alla Croce Rossa: serviranno per l'emergenza clochard

L'iniziativa, chiamata “26 aprile, riscalda la notte”, si deve al Rotaract 2100. Sono 55 i volontari della Cri che operano in provincia

Clochard

Duecento coperte: è quanto il Rotaract 2100 (il distretto del Rotary Club di Campania, Calabria e territorio di Lauria) ha oggi donato al comitato provinciale della Croce Rossa di Napoli.

L'iniziativa, denominata “26 aprile, riscalda la notte”, vuole rappresentare – come spiegato da Pasquale Russo, rappresentante distrettuale del Rotaract 2100 – la “disponibilità ad avviare un proficuo percorso di collaborazione con la Croce Rossa di Napoli che ogni giorno, con i suoi volontari, aiuta centinaia di clochard che vivono lungo le strade cittadine”.

I 55 volontari della Cri distribuiscono pasti caldi a tutti coloro che non possono permetterselo: immigrati, ma anche numerosi italiani che a causa della crisi sono ridotti in condizioni di povertà.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre ai pasti, ai senza fissa dimora bisogna anche fornire abbigliamento, scarpe e coperte, utili a ripararsi dal freddo nelle ore notturne. L'iniziativa è stata accolta positivamente dal responsabile della sala operativa sociale della Cri di Napoli, Raffaele Polese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

Torna su
NapoliToday è in caricamento