Chalet Ciro a Mergellina, addio alla fondatrice Rosaria Fummo

Grave lutto in città

(foto Facebook "Chalet Ciro")

Un grave lutto ha colpito nelle ultime ore il mondo della ristorazione napoletana. Si è spenta, infatti, la signora Rosaria Fummo, fondatrice dello Chalet Ciro a Mergellina.

La notizia della dipartita della donna, molto nota a Napoli, è stata data dalla pagina Facebook ufficiale del noto chalet: "E’ con enorme dolore che annunciamo la perdita della nostra cara, fondatrice nonché creatrice di tutto ciò che avete provato in questi anni. Donna dalle altissime qualità imprenditoriali ed esperta indiscussa di tutte le materie prime da sempre utilizzate. E’ a lei che diciamo grazie per aver reso lo Chalet Ciro ciò che è oggi. Faremo sempre tesoro di ogni suo consiglio. Che possa guidarci da lassù con il suo sorriso. Ti salutiamo con tanto affetto. Ci mancherai tanto, Signora e per tanti, nonna, Rosaria Fummo".

Le esequie della signora Rosaria si sono tenute questa mattina presso la chiesa S. Maria del Parto e, pertanto.

Lo Chalet Ciro resterà chiuso per tutta la giornata di oggi in segno di lutto. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ucciso per errore dai killer, arresti per l'omicidio di Giovanni Galluccio

  • Cronaca

    De Iesu nominato Prefetto con funzioni di vice Direttore Generale della Pubblica Sicurezza

  • Attualità

    BBC World News nella redazione di NapoliToday: focus su criminalità e politica

  • Cronaca

    Chiede i soldi per la cocaina e l'affidamento della figlia neonata

I più letti della settimana

  • Tina Colombo non è più incinta: "Purtroppo ho perso il bambino"

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 20 al 24 maggio

  • Si lancia dal ponte della tangenziale e muore a piazza Ottocalli

  • Piogge e temporali su Napoli e Campania: scatta l'allerta meteo della Protezione Civile

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 20 al 24 maggio

  • Incidente stradale in via Diocleziano: un morto e tre feriti

Torna su
NapoliToday è in caricamento