"Ciro Boom" e "De Santis libero": a Roma scritte vergogna sui fatti dell'Olimpico

Sono apparse nelle zone di via Rolli e della Gianicolense. Molte le scritte anche contro Filippo Raciti, l'ispettore di polizia ucciso nel 2007 al termine di Catania-Palermo

Tifosi della Roma

Dopo quanto è stato già esposto all'Olimpico in occasione di Roma-Juventus, nuove scritte in favore di Daniele De Santis - l'ultras giallorosso accusato di aver sparato a tre tifosi del Napoli, tra cui Ciro Esposito, in occasione della finale di Coppa Italia - sono apparse nella Capitale, in particolare in via Rolli e sulla Gianicolense.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella stessa zona scritte anche contro Filippo Raciti, l'ispettore di polizia morto nel 2007 durante i disordini al termine di Catania-Palermo, l'episodio per cui fu condannato quell'Antonio Speziale citato nell'oramai tristemente famosa t-shirt 'Speziale libero' indossata dal capo ultrà del Napoli Gennaro De Tommaso. Le scritte recitano "De Santis libero"; "Ciro Boom", appunto contro Ciro Esposito; "10 100 1000 Raciti"; "Daniele libero"; "Roma è con Roma"; "Daje Daniè".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nome della presunta amante di Stefano De Martino dato in pasto ai media: "Questa ragazza è disperata"

  • Addio a Mario Savino: era stato l'impresario anche di Gigi D'Alessio e Gigi Finizio

  • Il virologo su RaiTre: "Vi spiego perché il Covid ha 'perdonato' i festeggiamenti per la Coppa Italia a Napoli"

  • Musica napoletana in lutto, si è spento Luciano Rondinella

  • Malore nel centro commerciale, muore il padre del cantante Gianni Fiorellino

  • Addio ad un pezzo di storia di Napoli, chiude la Gelateria "La Scimmia": era aperta dal 1933

Torna su
NapoliToday è in caricamento