Cinquantamila euro ai rom per lasciare l'Auditorium di Scampia: è polemica

Alcune famiglie hanno ricevuto i fondi mentre altre non hanno ancora i requisiti necessari e restano nella struttura. Braccio di ferro col Comune: non vogliono il trasferimento a Soccavo

Rom lasciano l'Auditorium (foto Chi rom e chi no)

Polemiche sul contributo di 50mila euro, 5 per ogni nucleo familiare, stanziato dal Comune di Napoli per le famiglie rom del campo di via Cupa Perillo incendiato lo scorso 27 agosto. Alcuni nomadi dopo lo stanziamento hanno già lasciato l'Auditorium di Scampia in cui si trovavano provvisoriamente. L'accordo prevede inoltre che non vengano occupati ulteriori edifici comunali. Sono 13 le famiglie destinatarie dei fondi, per 47 persone in tutto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quattro famiglie non sono però in possesso, al momento, dei requisiti per accedere al finanziamento e il Comune è al lavoro per risolvere il problema. In totale, sono 20 le persone rimaste ancora nella struttura a Scampia. “Ci hanno detto di andare via subito – lamenta una famiglia rom in un video pubblicato sui social – e dove andremo ad abitare ancora non lo sappiamo”. In realtà è stato loro prospettato il centro d'accoglienza ex scuola Deledda a Soccavo, me è un muro contro muro a causa del fatto che sarebbe una zona – secondo l'associazione Abitare Cupa Perillo, dalla parte dei nomadi – del tutto decontestualizzata da quella in cui hanno fin qui vissuto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 2 aprile a Napoli e provincia

Torna su
NapoliToday è in caricamento