Scomparso in Messico, ipotesi rapimento: "Ma la polizia non indaga"

Roberto Molinaro, napoletano di 36 anni, non dà notizie dal 1 ottobre. Era a Veracruz. I familiari spingono perché il governo italiano si faccia sentire

Roberto Molinaro

Non si dirada la nebbia sulla scomparsa di Roberto Molinaro, commerciante 36enne napoletano che non dà notizie di sé dallo scorso 1 ottobre, mentre era in Messico con suo fratello Enrico.

I familiari, tramite l'avvocato Antonio Russo, lanciano un appello: “Le indagini della polizia locale sono ferme – spiega Russo – Occorre un intervento forte del governo italiano per fare luce su questa vicenda”.

Enrico è rientrato da poco da Veracruz, capitale dell'omonimo stato messicano, a 15 km dalla quale (a Paso del Toro) è stato avvistato per l'ultima volta Roberto. Il sospetto è che quest'ultimo sia stato rapito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A tre giorni dalla scomparsa, il 4 ottobre, la carta di credito di Molinaro fu ripetutamente utilizzata da tre individui differenti, ripresi dal circuito di videosorveglianza di un Centro Commerciale. Questi fin qui non sono stati identificati dalla polizia messicana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca rilancia la movida: "Cinema all'aperto e musica nei locali: apriamo tutto"

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Grave lutto nel mondo dell'imprenditoria: addio al noto designer Roberto Faraone Mennella

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

  • Litigio furibondo all'esterno di un bar, giovane presa a schiaffi dal fidanzato

  • Crollo a Pianura, operai sepolti sotto le macerie: due morti

Torna su
NapoliToday è in caricamento