Un fine settimana di sport violento: maxi-rissa durante Portici-Parete (Serie C di basket)

Coinvolti i giocatori delle due squadre, rissa forse innescata da alcuni insulti in tribuna. La partita è stata sospesa e sul parquet sono arrivati i carabinieri

(foto Parete Basket(

Un altro caso di sport che degenera in cronaca nera: dopo la rissa di Frattamaggiore, durante la quale i giocatori del Mondragone sono stati colpiti dai tifosi di casa nel corso dell'intervallo di una gara di Eccellenza, l'ultima notizia riguarda il mondo del basket. Come riportato da CasertaNews, infatti, la partita di serie C tra Portici e Parete si è trasformata in una maxi-rissa, che ha visto coinvolti giocatori delle deue squadre. 

Ad avere la peggio un tesserato della squadra di Portici, finito in ospedale. Partita sospesa e carabinieri sul parquet per placare gli animi. A CasertaNews il direttore del Parete Basket: "I nostri 5 tifosi sono stati insultati e spintonati da circa 50 tifosi di casa". La società casertana ha annunciato anche provvedimenti contro i suoi tesserati e ha chiesto scusa alla società del Portici. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

Torna su
NapoliToday è in caricamento