Lite tra clochard culmina in un incendio a Poggioreale

Due 28enni armati di cocci di vetro e metallo, avevano, con minacce, sottratto 35 euro in denaro contante ad un 26enne, il quale, per ritorsione, ha incendiato gli effetti personali dei due connazionali, danneggiando anche il fabbricato, che utilizzavano come rifugio

Fabbricato distrutto

I carabinieri hanno sottoposto a fermo per rapina due 28enni e arrestato per rissa e per incendio doloso un giovane di 26 anni, tutti di origine marocchina. 

In particolare i militari dell’arma sono intervenuti su via comunale san Severino a Poggioreale, in un capannone industriale privato, in stato abbandono, che i predetti utilizzano quale rifugio notturno, per sedare una violenta rissa in atto tra loro, scaturita da futili motivi. Proseguendo le indagini, i carabinieri hanno raccolto gravi indizi:  i due 28enni armati di cocci di vetro e metallo, avevano, con minacce, sottratto 35 euro in denaro contante al 26enne, il quale, per ritorsione, ha incendiato gli effetti personali dei due connazionali, danneggiando anche il fabbricato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le fiamme e il fabbricato è stato sequestrato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

Torna su
NapoliToday è in caricamento