Rissa a Cadice: in carcere il napoletano, rilasciati gli altri

Per il 29enne il giudice ha disposto la custodia cautelare in carcere

Il 29enne napoletano, E.D.P., coinvolto nella rissa di ieri a Cadice in Spagna, è l'unico per cui è stata disposta la custodia cautelare in carcere. A deciderlo è stato il giudice che ha deciso di restringerlo nel carcere di Puerto. Dei quattro italiani arrestati ieri con l'accusa di aver ridotto in fin di vita un 30enne spagnolo, solo per il 29enne è stato disposto il carcere. Gli altri quattro al momento sono stati rilasciati anche se continuano le indagini anche sul loro conto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il video della rissa 

A gravare sul 29enne partenopeo sono le immagini delle telecamere di sicurezza nei pressi del luogo della rissa che lo hanno immortalato mentre colpiva in maniera violenta il giovane spagnolo. In particolare ha colpito la violenza con cui ha preso a calci alla testa il 30enne convincendo il magistrato a disporre la custodia in carcere. Proseguono intanto le indagini per capire i motivi della rissa che ha coinvolto quattro studenti italiani e un gruppo di coetanei spagnoli. Uno di loro è ricoverato in terapia intensiva e le sue condizioni al momento sono stabili. Il video della rissa di Punta de San Felipe a Cadice ha fatto il giro del web nelle ultime ore impressionando tutti coloro che lo hanno visto per la crudezza delle immagini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

  • Igiene orale e difese immunitarie: qual è la connessione?

  • Casatiello napoletano: la ricetta di Enrico Porzio

  • Il lockdown di Valentina Nappi: "Senza mutande a casa col mio ragazzo e un pitone"

Torna su
NapoliToday è in caricamento