Rifiuti speciali e pericolosi nel campo rom di Scampia: scattano le denunce

Fermati e denunciati gli operai sorpresi a scaricare i rifiuti ed identificato il titolare della ditta

Gli agenti della Polizia Municipale di Napoli, appartenenti alla unità operativa Tutela Ambientale, hanno fermato e denunciato due napoletani sorpresi ad abbandonare rifiuti speciali e pericolosi nel campo rom di Scampia a cupa Perillo/viale della Resistenza.

Gli agenti di concerto con personale dell'Esercito adibito al monitoraggio delle aree di abbandono di rifiuti hanno sorpreso i due mentre abbandonavano circa due tonnellate di scarti di lavorazione edile ed ingombranti. Gli stessi si sono serviti di un veicolo recante il marchio di una nota ditta di distribuzione di mobili.

Fermati e denunciati gli operai sorpresi a scaricare i rifiuti ed identificato il titolare della ditta, il quale dovrà giustificare l’operato dei suoi dipendenti. Dovranno rispondere per abbandono indiscriminato di rifiuti speciali e pericolosi in area già oggetto di numerosi incendi e tutto quanto emergerà dalle indagini della polizia giudiziaria.

La sede della ditta responsabile è in un comune confinante con la periferia nord della città di Napoli. Il furgone, sottoposto a sequestro ai fini della confisca è stato messo in custodia giudiziaria all'interno della ditta responsabile, con sigilli ai pedali e alle portiere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I rifiuti dovranno essere smaltiti secondo legge e con la supervisione della polizia giudiziaria e l'autorizzazione della Autorità Giudiziaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

Torna su
NapoliToday è in caricamento