Rifiuti pericolosi nei pressi dell'ospedale: la scoperta della Guardia di Finanza

Le fiamme gialle hanno individuato su un fondo rustico un illecito sito di stoccaggio di lamiere contenenti eternit, nonché un capannone costruito con il pericoloso materiale

Il dipendente Gruppo della Guardia di Finanza di Torre Annunziata ha sottoposto a sequestro nel comune di Torre del Greco circa 2 tonnellate di rifiuti e materiali pericolosi del tipo "eternit".

L’intervento ha visto impiegate, in particolare, le fiamme gialle della Compagnia di Torre del Greco, che, con il supporto della Sezione Aerea di Napoli, hanno individuato su un fondo rustico un illecito sito di stoccaggio di lamiere contenenti eternit, nonché un capannone costruito proprio con il pericoloso materiale.

Rischio eternit

L’amianto - materiale altamente nocivo e riconosciuto come causa di gravissime patologie tumorali - appariva in molti punti frammentato ed esposto agli agenti atmosferici, con conseguente grave rischio di dispersione sia nel terreno sia nell’aria. In specie, parte di tali rifiuti sono apparsi essere stati utilizzati per allestire pensiline di riparo e finanche un capannone di circa 80 mq. 

L'area a ridosso dell'ospedale

L’area interessata dall’intervento, ubicata a ridosso del locale ospedale "Maresca", è stata sottoposta a sequestro penale, unitamente ai rifiuti e ai materiali rinvenuti, mentre per 2 responsabili è scattata la denuncia all’Autorità Giudiziaria competente per le violazioni perpetrate alle norme contemplate dal codice dell’ambiente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Scoperta la centrale del 'pezzotto', arresti in tutta Europa: c'erano 700mila clienti

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Whirlpool, i lavoratori in corteo bloccano l'A3

  • Controlli tra le pizzerie in via Tribunali, occupazioni abusive per 700 metri quadri

  • Centro Storico, giovane accasciato in strada salvato da un passante

Torna su
NapoliToday è in caricamento