"Preoccupati per gli ex sottopassi del corso Umberto: i turisti fanno i selfie tra i rifiuti"

A lanciare l'allarme è l'associazione "Vivere il Quartiere" di Enrico Cella: "Perché non vengono rimossi?"

Foto Cella

"Gli ex sottopassi del corso Umberto, a pochi metri da piazza Garibaldi, sono paragonabili ad una discarica a cielo aperto": così Enrico Cella Presidente, dell'associazione "Vivere il Quartiere".
Secondo l'associazione il fatto che i rifiuti non vengano rimossi preoccupa i titolati degli esercizi commerciali in zona ed i residenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Corso Umbero è delle più importanti strade dello shopping della città: vi sono tantissimi negozi, alberghi e nelle vicinanze la Stazione Centrale di Napoli, non può essere abbandonata al degrado – spiega Cella – La presenza di turisti è continua, ed è umiliante vedere queste persone fotografare i cumuli di spazzatura, che fanno il giro del mondo". "Perché tanto abbandono? - conclude - Chi dovrebbe controllare? Perché la spazzatura non viene rimossa? All'assessore competente è al sindaco si chiede di intervenire".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

  • Coronavirus, due nuovi decessi in Campania: i nuovi casi tutti a Napoli e provincia

Torna su
NapoliToday è in caricamento