Riesame: libero il presidente della Fondazione Banco Napoli, Daniele Maramma

Annullata l'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari per il professore. Venne coinvolto nell'operazione “The Queen”

Il presidente della Fondazione Banco Napoli, il professore Daniele Marrama, è libero. Un’altra scarcerazione disposta dal tribunale del Riesame di Napoli nell’ambito dell’inchiesta “The Queen” condotta lo scorso 15 marzo dalla Guardia di Finanza di Napoli e nell’ambito della quale furono raggiunti da ordinanza di custodia cautelare 69 persone. Tra questi anche politici, imprenditori ed esponenti del mondo accademico. Oggi il Tribunale del Riesame, analizzando la posizione del professore Marrama, ha annullato gli arresti domiciliari che erano stati precedentemente disposti.

Il presidente della Fondazione Banco Napoli resta indagato nell’inchiesta su presunte irregolarità in appalti nelle province di Napoli e Caserta. Era agli arresti domiciliari per una ipotesi di concorso in turbativa d'asta per un appalto nel comune di Francolise, accusa tra l’altro non collegata al suo ruolo di presidente della Fondazione. Il tribunale ha accolto le richieste del difensore di Marrama, avvocato Arturo Frojo che ha argomentato come all’epoca Marrama fosse consulente esterno del Rup – Responsabile unico per il progetto “Le porte dei parchi” di Francolise, e non avesse avuto la possibilità di influire sull’aggiudicazione della gara, non facendo parte della commissione che ne avrebbe determinato l’aggiudicazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio dai canali ufficiali della soap

  • Nuova allerta meteo a Napoli, la decisione sulle scuole per lunedì 18 novembre

  • Emergenza strade: un'altra voragine si apre al Vomero

  • Ex calciatori italiani a rischio povertà, l'ex Napoli Stendardo lancia l'allarme

  • Nuova allerta meteo gialla su Napoli e provincia per 24 ore

  • Pioggia e vento su Napoli e Campania, prorogata l'allerta meteo

Torna su
NapoliToday è in caricamento