Referendum, fotografa la scheda elettorale: denunciato

È successo a Castellammare di Stabia, nel seggio elettorale numero 35 della scuola elementare Basilio Cecchi

Ha fotografato la scheda elettorale dopo aver votato per il referendum sulla riforma costituzionale. Forse per rendere noto il proprio voto o peggio ancora per dimostrare a qualcuno di aver votato secondo la sua indicazione. In entrambi i casi il suo è un reato e per questo motivo è stato denunciato. È successo a Castellammare di Stabia dove è stato scoperto un elettore mentre fotografava il proprio voto all'interno della cabina elettorale. Il rumore della macchina fotografica dello smartphone ha insospettito i membri del seggio elettorale numero 35 che hanno avvertito gli agenti di polizia in servizio presso in una delle scuole dove si vota.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta della scuola elementare Basilio Cecchi dove l'uomo è stato scoperto e denunciato. In particolare è stato il presidente di seggio a sentire il rumore nell'aula che in quel momento non era affollata ed ha avvertito gli agenti. I poliziotti hanno infatti potuto appurare che l'elettore aveva salvato una foto della scheda elettorale e per questo motivo hanno provveduto a denunciarlo. È il primo episodio in ordine di tempo nella provincia napoletana anche se fino alla chiusura dei seggi potrebbe non essere l'unico.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1103 casi in Campania: l'aggiornamento della Protezione civile

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Schianto su corso Campano, sbalzati dallo scooter: paura per due ragazzi

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

Torna su
NapoliToday è in caricamento