Investì e uccise i suoi due presunti baby rapinatori: condannato a otto anni e otto mesi

La condanna è per omicidio volontario: per Leonardo Mirti il giudice ha valutato l'attenuante della "provocazione"

La scena ripresa dalla videosorveglianza

Otto anni e otto mesi di carcere. È quanto dovrà scontare Leonardo Mirti per il duplice omicidio di Alessandro Riccio ed Emanuele Scarallo.

La vicenda risale a cinque anni fa. Mirti – all'epoca 29enne – era in auto, una Smart, con la sua fidanzata a Posillipo. Secondo il suo racconto e quello della compagna, Riccio e Scarallo (rispettivamente 17 e 18 anni) li avevano rapinati. Le indagini hanno poi fatto emergere che il conducente della Smart incrociò e riconobbe i due ragazzi su via Manzoni, in sella ad uno scooter, fece inversione di marcia e li inseguì fino ad investirli.

Il video shock dell'investimento

Duplice omicidio volontario quindi, per il quale i giudici hanno valutato l'attenuante della provocazione. A riportare la notizia della condanna è il Mattino.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Peccato !!! Mettono in carcere chi dovrebbe ricevere una medaglia per aver tolto da mezzo un po di criminalità, che oggi rovina la nostra città .Il tipo della smart e' stato fortunato a non essere accoltellato sia lui che la fidanzata .

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Bomba alla pizzeria Sorbillo: "Evitata una tragedia". Salvini venerdì a Napoli

  • Incidenti stradali

    Investito sulla Circumvallazione: morto sul colpo

  • Cronaca

    Sedici anni dopo si fa luce sull'omicidio di Salvatore Ostetrico: due arresti

  • Incidenti stradali

    Dramma della strada, Michele Coppeto muore a soli 20 anni

I più letti della settimana

  • Terremoto nella notte tra Napoli e Pozzuoli

  • Bomba contro la pizzeria di Gino Sorbillo, Sorrentino: "Bisogna mobilitarsi"

  • Bambino di quattro anni muore soffocato dalle costruzioni

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 14 al 18 gennaio

  • Esplosione devasta la pizzeria Sorbillo, Gino: "Prima l'incendio, ora le bombe"

  • Sabato di sangue sul lungomare, ucciso un uomo

Torna su
NapoliToday è in caricamento