Su Fb: "Il mio gioco preferito è guardie e ladri". Rapinatore seriale arrestato

Il 23enne aveva tatuate sul corpo le lettere corrispondenti alle iniziali di un capoclan della zona ritenuto responsabile di efferati omicidi

I carabinieri della Compagnia Castello di Cisterna hanno arrestato un 23enne di Casalnuovo perché ritenuto responsabile di sette rapine e sei furti con strappo. I giovanissimi erano le sue vittime preferite, costosi smartphone i bottini ricercati.

Nel corso delle indagini i carabinieri della Tenenza di Casalnuovo hanno raccolto chiari elementi di prova nei confronti del giovane. Partendo dalla descrizione i militari hanno man mano chiuso il cerchio, ricostruendo episodio dopo episodio la serie di colpi messi a segno.

Nel corso delle indagini non si è potuto non notare la sfrontatezza dell’arrestato sui social, con un profilo pieno di frasi più o meno dirette volte a ostentare la propria indole delinquenziale: “saluto tutta la malavita organizzata”; “il mio gioco preferito è diventato guardie e ladri”. Fino al fotosegnalamento dopo l’arresto, quando i militari, dovendo documentare i tatuaggi, hanno notato lettere corrispondenti alle iniziali di un capoclan della zona ritenuto responsabile di efferati omicidi.

Dopo le formalità di rito, il 23enne è stato accompagnato presso il carcere di Poggioreale.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Paura alla Sanità, spari contro la vetrina di Poppella

    • Cronaca

      Tiziana Cantone, il legale: "Proveremo a eliminare immagini e video osceni"

    • Cronaca

      Crisi respiratoria: la polizia municipale salva un neonato

    • Cronaca

      Tentata rapina, operaio ferito con colpi d'arma da fuoco

    I più letti della settimana

    • La nuova folle moda delle baby gang napoletane: pistola in faccia, ma non per rapina

    • Bare abbandonate nel cimitero di Poggioreale: "È un'offesa"

    • Luigi, scomparso da Meta di Sorrento: "Torna, hai diritto di vivere nella tua città"

    • Quattro anni e mezzo allo stalker di Quagliarella: "Giustizia è fatta"

    • Crollo in via dei Mille, tre operai schiacciati da una lastra di marmo

    • Allarme meningite, un caso al Maresca: chiuso il pronto soccorso

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento