Rapinarono turisti inglesi a Ercolano, arrestati: buttarono il maltolto tra gli scogli

I due, 22 e 18 anni, già noti alle forze dell'ordine, utilizzarono una pistola finta per minacciare una coppia di turisti inglesi. Poi buttarono l'arma in un cassonetto e le borse rubate tra gli scogli

I Carabinieri della Tenenza di Ercolano hanno sottoposto a fermo d’indiziato di rapina aggravata un 22enne semilibero e un 18enne, entrambi del posto e già noti alle forze dell'ordine. Nel corso di indagini su una rapina perpetrata in via Favorita, i due sono stati riconosciuti quali autori della rapina a mano armata ai danni di una coppia di turisti inglesi.

Le ricerche predisposte subito dopo il fatto hanno portato al rinvenimento dell’arma usata per minacciare i malcapitati: una replica di semiautomatica calibro 8 privata del tappo rosso che i malfattori avevano lanciato per disfarsene in un cassonetto di rifiuti. A poca distanza dal cassonetto, tra gli scogli del litorale, è stato rinvenuto anche il bottino: due borse, carte di credito, documenti d’identità.
I fermati sono stati associati alla Casa Circondariale di Poggioreale.

rapina a turisti inglesi ercolano-2

Potrebbe interessarti

  • Dieta: 7 alimenti che credi facciano dimagrire e invece fanno ingrassare

  • Fusaro: riapre il frutteto borbonico. Toccherà quindi alla pista ciclabile

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

I più letti della settimana

  • Boato a Giugliano, esplode una villetta. Il sindaco: "Due feriti gravi"

  • Muore Annamaria Sorrentino: era precipitata dal terzo piano mentre era in vacanza in Calabria

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - Possibile scambio Hysaj-Schick con la Roma?

  • Ancelotti furioso al Franchi, voci di esonero per Sarri: inizio col botto in Serie A

  • Temporeggiava sulla soglia del portone: in manette giovane spacciatrice

  • Bimba napoletana autistica interrompe il Papa, Francesco: "Dio parla attraverso di lei"

Torna su
NapoliToday è in caricamento