Piazza Cavour, a un passante cade il telefono: in due si fiondano per rubarglielo

Arrestati due cittadini marocchini per rapina impropria. Il telefono era caduto dalla tasca della vittima e i due ladri se ne erano impossessati

Stanotte, i poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale sono intervenuti in Piazza Cavour dove un uomo era stato rapinato del telefono.
La vittima era stata aggredita da due uomini che si erano impossessati del telefono cadutogli dalla tasca.  I poliziotti, in servizio di controllo del territorio, hanno udito le grida di soccorso dell’uomo ed hanno bloccato e arrestato A.M. e B.J., marocchini di 41 e 39 anni, per  rapina impropria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli agenti hanno accertato che il 41enne, destinatario di un ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso nel maggio scorso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno, deve espiare la pena di nove mesi di reclusione per estorsione, mentre il 39enne è destinatario di un ordine di espulsione emesso dal Questore di Napoli nel 2011 e di un decreto di espulsione del 2007 del Questore di Reggio Calabria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • "Il virus sta perdendo forza. Possiamo guardare con ottimismo al futuro": l'intervista a Giulio Tarro

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Torna su
NapoliToday è in caricamento