Ounas rapinato e aggredito a Frosinone: arresti domiciliari per cinque tifosi

L'attaccante partenopeo era uscito dallo stadio per salutare alcuni parenti, dopo la partita del 28 aprile

Gli agenti della Digos di Frosinone hanno dato esecuzione alla misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di cinque tifosi ciociari, ritenuti responsabili della rapina aggravata perpetrata ai danni del giocatore algerino con cittadinanza francese Adam Ounas, consumatasi al termine della partita di calcio Frosinone-Napoli dello scorso 28 aprile.

Gli arresti domiciliari sono scattati nei confronti di cinque uomini appartenenti ad alcuni gruppi organizzati della tifoseria ciociara. Tra gli indagati anche il tifoso già arrestato all'indomani dell'incontro di calcio perché identificato quale autore del lancio di sassi contro le forze dell'ordine.

Tafferugli e aggressione

Le tensioni tra tifosi ebbero inizio a causa della falsa notizia circolata tra la tifoseria locale del furto di una bandiera ad opera di un gruppo di tifosi napoletani. A farne le spese Ounas, uscito dall'impianto sportivo per salutare alcuni parenti ed amici, che ancora indossava la divisa del Napoli. Incuranti della presenza delle telecamere di sorveglianza e delle forze dell'ordine, i cinque soggetti, oggi arrestati, assalivano e derubavano Ounas strappandogli di dosso lo zaino. Il giocatore nel darsi alla fuga dai suoi aggressori cadeva a terra procurandosi lievi ferite al ginocchio. Gli agenti della Digos si precipitavano nella zona, recuperando nell'immediatezza lo zaino, subito restituito al giocatore. Le indagini sviluppate dalla Digos, attraverso l'analisi scrupolosa dei filmati della scientifica e del sistema di videosorveglianza cittadino, permettevano di ricostruire l'esatta dinamica del fatto. Oggi l'epilogo della vicenda con l'esecuzione delle misure cautelari nei confronti dei tifosi, tutti di Frosinone, per i quali il Questore di Frosinone ha adottato la misura preventiva del Daspo per cinque anni.

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino: come difendersi e cosa fare in caso di morso

  • Cardarelli: presto visite ed esami si prenoteranno nella farmacia vicino casa

  • Spiagge: i 3 lidi più belli di Napoli dove viziarsi e divertirsi

  • Come eliminare la puzza dal tuo bidone della spazzatura

I più letti della settimana

  • Lancia la figlia dal 2° piano e si butta giù: morta sul colpo la bimba di 16 mesi

  • Fuorigrotta, tragico incidente stradale: muore una 15enne

  • Addio Paolo: è lui il 26enne rimasto ucciso in un incidente lungo via Marina

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 15 al 19 luglio 2019

  • Dramma in via Marina, scooter contro auto: muore 26enne

  • Orrore San Gennaro Vesuviano, la ricostruzione dalla tragedia

Torna su
NapoliToday è in caricamento