menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Banco di Napoli, rapina e malori nella sede centrale di via Toledo

Almeno quattro malviventi, con il volto coperto da maschere, sono entrati dalle fogne nel piano basso dell'istituto e hanno messo a segno il colpo. Operai del settore manutenzione chiusi in stanza

Banco di Napoli

Rapina nella sede centrale del Banco di Napoli in via Toledo: un gruppo di malviventi, almeno quattro, con il volto coperto da maschere, sono entrati dalle fogne nel piano basso dell'istituto e messo a segno il colpo. I rapinatori hanno chiuso in una stanza i lavoratori del settore manutenzione. Alcuni di loro sono stati colti da malore.

Secondo quanto si è appreso, dopo il colpo il gruppo sarebbe fuggito utilizzando lo stesso percorso usato per accedere alla banca. Uno degli operai sequestrati dai rapinatori è stato accompagnato in ospedale dal 118.

Una squadra del servizio fognature del Comune di Napoli, insieme ai carabinieri, ispezionando i tombini ne hanno trovato uno vicinissimo ad uno degli ingressi colmo di materiale di risulta - pietre e calcinacci - probabilmente sistemato dai rapinatori per bloccare in eventuale tentativo di inseguimento delle forze dell'ordine. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, i rapinatori sono entrati dal lato di via San Giacomo: è in corso una ispezione nelle fogne con tre operai servizio fognature e un carabinieri davanti l'ingresso filiale Pegni del Banco di Napoli. Alcuni tombini sono stati bloccati dall'interno fissando il coperchio ad un anello in ferro e con del filo anch'esso di ferro: questo al fine di rallentare l'ingresso dall'esterno. Il bottino al momento non è stato ancora quantificato. (Ansa)

Potrebbe interessarti


Commenti

    Più letti della settimana

    Torna su