Baby vandali a scuola: si riprendono in un video mentre distruggono l'aula magna

Le immagini stanno facendo il giro dei social. Borrelli e Simioli: "Fatto gravissimo"

Dei ragazzini hanno devastanto l'aula magna di una scuola di Acerra, il tutto filmandosi e urlando frasi di Gomorra.

“Restiamo allibiti dinanzi al video girato e diffuso sui social da un gruppo di teppisti durante la vandalizzazione dell’aula magna della scuola media ‘Ferrajolo-Siani’ - fanno sapere il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli, autori della denuncia - Un fatto gravissimo che dimostra la presenza di sacche di inciviltà anche tra i più giovani. Nel video si sentono urlare frasi di Gomorra, a testimonianza che alcuni di questi permeano gli esempi peggiori dei criminali della Tv”.

“Dinanzi a scene di questo tipo non possiamo che evidenziare che, in alcuni casi, il ruolo genitoriale non ha prodotto effetti positivi - proseguono i due - La preside della scuola ha denunciato il fatto al commissariato di polizia. Dinanzi ad un fatto del genere non possiamo che invocare il pagamento dei danni da parte dei genitori. Non è giusto che gli atti vandalici di questo tipo gravino sulla collettività”.

Potrebbe interessarti

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

  • Sabbia in casa: come liberarsene

  • "I love Ztl", pagina social per il "Lungomare Liberato" di Castellammare

I più letti della settimana

  • Muore Annamaria Sorrentino: era precipitata dal terzo piano mentre era in vacanza in Calabria

  • Boato a Giugliano, esplode una villetta. Il sindaco: "Due feriti gravi"

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - Possibile scambio Hysaj-Schick con la Roma?

  • Temporeggiava sulla soglia del portone: in manette giovane spacciatrice

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Ischia, sessantenne del Rione Sanità spende 50 euro falsi: denunciato

Torna su
NapoliToday è in caricamento