Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rifiuti, presidente Asia: "Un errore ritirare i cassonetti dell'umido"

Anna De Marco, a capo della partecipata del Comune di Napoli da circa un mese, annuncia: "Dal 7 gennaio ci sarà rilancio della differenziata, ma aumenteranno controlli e informazione perché nell'umido troviamo di tutto"

 

Sono scomparsi da diversi mesi dalle strade di Napoli e nessuno ha spiegato il perché. Il 9 novembre scorso avevamo chiesto all'assessore comunale all'Ambiente Raffaele Del Giudice che fine avessero fatto i cassonetti per la raccolta dell'umido. Ci fu risposto che la scelta di rimuoverli era stata di Asia, la società partecipata che si occupa della raccolta dei rifiuti, 

Da un mese, a capo dell'azienda c'è Maria De Marco: "Sono arrivato in azienda e ho trovato alcune scelte che non posso condividere. Non condivido il ritiro dei cassonetti per la frazione umida dalle strade. Purtroppo, viviamo un momento di difficoltà con il conferimento dei rifiuti e non c'è stato ancora il tempo di analizzare il perché di alcune scelte fatte in passato. In secondo luogo, non posso condividere il fatto che in zone contigue della città si attuino sistemi di raccolta diversi. Per esempio, mentre nei quartieri spagnoli effettuiamo il porta a porta, a pochi metri, in via Toledo, ci sono le campane. In questo modo, forniamo un alibi e un'alternativa a chi non vuole fare la differenziata". 

Il riferimento è all'ex presidente della società Francesco Iacotucci, uscito dalle grazie del sindaco Luigi de Magistris. Superata la fare di crisi di questi giorni, il neopresidente di Asia conta di rilanciare con forza la raccolta differenziata: "Ho già dato mandato che vengano riposizionati i cassonetti per la raccolta dell'umido. Anche se dovremo intensificare i controlli e migliorare l'informazione. Nelle frazioni umide viene trovato di tutto e non ce lo possiamo permettere. Tutta l'azione della differenziata andrà rilanciata. Adesso dobbiamo occuparci dell'immondizia in strada, ma appena ritorneremo alla normalità capiremo chi e perché ha fatto scelte che non mi trovano assolutamente d'accordo". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento