"Querele per chi specula sul caffè campano": produttori sul piede di guerra

«Bisogna difendere le nostre aziende. Con un solo assaggio non si può mettere in discussione una lunga tradizione», afferma Mario Simonetti, patron della Toraldo e responsabile per i Pubblici Esercizi della Cidec Campania

Caffè

«Bisogna difendere le nostre aziende. Con un solo assaggio non si può mettere in discussione una lunga tradizione».

Così Mario Simonetti , patron dell’azienda di torrefazione e distribuzione Toraldo e responsabile per i Pubblici Esercizi della Cidec Campania all’indomani dell’anticipazione dell'inchiesta di Report che andrà in onda il prossimo sette aprile, in cui è stata messa in discussione la qualità del caffè partenopeo. «Abbiamo subito attacchi sull’acqua, sulle pizze e ora tocca al caffè – prosegue Simonetti – La coffe education di Scae (Speciality Coffee Association of Europe) dovrebbe esprimersi su campioni più vasti prima di dichiarare che è da sfatare il mito della qualità del caffè di Napoli. Se proprio vogliamo eleggere i migliori e peggiori caffè delle città italiane, c’è bisogno di una giuria.

Io sono concorrente di chi fornisce il caffè al Gambrinus ma, in questo momento difendo la categoria: stiamo parlando di un prodotto che viene esportato in 37 paesi del mondo e non si può liquidare un intero comparto con un solo assaggio». Simonetti assicura che chi sta speculando sulle aziende campane avrà filo da torcere: «Ci stiamo organizzando, noi aziende napoletane del caffè, per querelare chi discrimina deliberatamente le nostre aziende con test e titoli fuorvianti». «Dagli addetti alla torrefazione e confezionamento fino agli addetti ai consumi si fanno moltissimi corsi di formazione che qualificano i lavoratori del settore – Spiega Giuseppe Salvati, Segretario Regionale Cidec Campania – che non sono assolutamente pochi. Si tratta di quasi 25mila operatori tra la cottura e la torrefazione, l’imballaggio e il confezionamento e la preparazione e somministrazione al bar tra macchinisti e aiuto macchinisti». Per i giovani, soprattutto quelli che vengono dall’alberghiero, il mondo del caffè è uno degli sbocchi più concreti. « Non è semplice fare il caffè – prosegue Salvati – l’uso della macchina richiede circa cinque anni di apprendistato al fianco di un macchinista».

Oggi il mercato è sempre più invaso dalle macchine a cialde da tenere in casa o negli uffici. «Con la pubblicizzazione incessante delle cialde e delle capsule – conclude Salvati - ci affacciamo ad un cambiamento epocale: siamo alla vigilia di uno scontro titanico tra abitudini e gusti. C’è rischio che la somministrazione al bar venga penalizzata, nonostante le aziende napoletane esportino all’estero».

Potrebbe interessarti

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • "Si' propeto 'na céuza" vuol dire che...

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

  • Sabbia in casa: come liberarsene

I più letti della settimana

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Rissa nel Vasto, "grida disumane". Un quarantenne finisce in ospedale

  • Tragedia in Kenya: napoletano muore durante il viaggio di nozze

  • Amichevole in famiglia in casa Juve, cori contro i napoletani: Sarri fa finta di nulla

  • Tony Colombo, attacco da Borrelli: "Senza casco e sul marciapiede, esempio di inciviltà"

  • ANTEPRIMA - Don Balon: "Il Real offre al Napoli Nacho e James per Koulibaly"

Torna su
NapoliToday è in caricamento