Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Whirlpool, la protesta si fa dura: "Da ora non garantiamo ordine pubblico"

Si inasprisce la lotta dei 430 lavoratori dello stabilimento di Napoli, licenziati il 31 maggio scorso. Gli operai hanno bloccato per alcune ore l'autostrada Napoli-Salerno. E' la risposta all'annuncio dell'azienda della cessione della fabbrica

 

"Per noi la vertenza comincia oggi. La protesta non sarà più pacifica come è stata fino ad ora, da oggi non garantiamo più l'ordine pubblico". Da via Argine il messaggio arriva forte e chiaro, direzione Roma: i lavoratori della Whirlpool non accetteranno la cessione dello stabilimento napoletano all'investitore svizzero, così come annunciato dall'azienda ai rappresentanti del Ministero per lo Sviluppo economico. La cessione dovrebbe avvenire a favore di un marchio svizzero che si occuperebbe di produrre sistemi di refrigerazione, ma in fabbrica nessuno si fida.

Questa mattina, gli operai si sono riuniti in assemblea sindacali, con i rappresentanti locali e nazionali delle principali sigle. All'ordine del giorno, le modalità con cui proseguire una lotta cominciata il 31 maggio con l'occupazione della fabbrica. Non sono mancati momenti di tensione tra i lavoratori, soprattutto perché il presidio dell'area è pesato su un numero esiguo di persone. 

Al termine dell'incontro, almeno in 300 si sono mossi in corteo e hanno fatto ingresso sull'A3 Napoli-Salerno, bloccando entrambi i sensi di marcia e giungendo fino al casello di Napoli. Il blocco è durato fino alle 15, alcuni dipendenti hanno accusato malori, tanto da rendere necessario l'intervento dei sanitari. 

"Siamo delusi, ci sentiamo traditi - afferma un operaio - ma finché c'è una speranza noi non ci fermeremo. Quello che ci vogliono fare con la vendita è un pacco. Non ci fidiamo di questo imprenditore svizzero". Raffaele Romano, delegato Fiom-Cgil per la Whirlpool di Napoli, rincara la dose: "Aspettiamo l'incontro tra Governo e azienda di venerdì prossimo (20 settembre, ndr) che sarà decisivo. Ma da oggi, comincia la vera protesta in tutta Italia. Non ci fermeremo e non garantiremo l'ordine pubblico". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento