Avvocati imbavagliati: la protesta contro le iniziative del governo

Cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario a Napoli. Gli esponenti del Consiglio degli Avvocati, aderendo a una protesta a livello nazionale, sono entrati nel Salone dei Busti di Castel Capuano con un cerotto sulla bocca

La protesta degli avvocati

Protesta della avvocati questa mattina alla cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario a Napoli. I consiglieri dell'Ordine hanno deciso di seguire la relazione in piedi e imbavagliati.

La protesta è contro le iniziative del Governo. In particolare, gli avvocati ritengono inaccettabile che tutti i provvedimenti adottati "con il presto della riduzione del debito pubblico siano, in realtà, il mezzo per la tutela di interessi economici bene individuati a discapito dei valori fondamentali della persona".

Gli esponenti del Consiglio degli Avvocati di Napoli - aderendo a una protesta a livello nazionale - sono entrati nel Salone dei Busti di Castel Capuano con un cerotto sulla bocca.

"È assolutamente inaccettabile l'attacco sferrato al funzionamento della giustizia, in danno ai cittadini e all'Avvocatura - si legge in un volantino che hanno distribuito - È inaccettabile che, la professione forense, costituzionalmente garantita, venga assimilata alla vendita di merci e valutata solo per il prezzo al ribasso e che la giustizia sia ridotta a un esercizio per ricchi». Gli avvocati reclamano dunque il ritorno allo Stato di diritto denunciando "la gravità della situazione attuale, dominata dalla volontà del Governo di subordinare il diritto all'economia"

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio

  • Lutto nella moda, scompare la signora Di Fiore Settanni: era emblema dello stile caprese

  • Lutto in casa Napoli: si è spento Mistone, terzino in azzurro negli anni '50 e '60

  • Cosa ci fa una cuccia al centro di Piazza Garibaldi? La risposta

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

Torna su
NapoliToday è in caricamento