Mise a disposizione l'albergo per i D'Alessandro: a processo

Sotto accusa un imprenditore di Castellammare. L'accusa è di concorso esterno in associazione mafiosa

Il suo albergo nel centro della città era diventato uno dei luoghi deputati dal clan ai summit di camorra. Inizia il processo ai danni dell'imprenditore di Castellammare che mise a disposizione il suo albergo per il clan D'Alessandro. L'accusa è di concorso esterno in associazione mafiosa di cui deve rispondere dinanzi ai giudici del tribunale di Torre Annunziata. Secondo l'accusa il suo hotel, molto conosciuto in zona, ospitava gli incontri degli uomini del clan ed in particolare dei latitanti che avevano bisogno di “privacy”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'accusa di concorso esterno non è l'unica di cui dovrà rispondere dinanzi ai giudici oplontini. L'imprenditore deve rispondere anche di tentata estorsione ai danni di un imprenditore delle pompe funebri di Torre del Greco. Secondo gli investigatori lo avrebbe costretto a pagare di tasca proprio le spese per il trasporto di una salma da Castellammare a San Giorgio a Cremano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

  • Grave lutto nel mondo dell'imprenditoria: addio al noto designer Roberto Faraone Mennella

Torna su
NapoliToday è in caricamento