Caso Arturo, perizia sullo smartphone di un 13enne: “Stava giocando a calcetto”

Il giovane è accusato di far parte della baby gang che il 18 dicembre 2017, su via Foria, aggredì brutalmente lo studente 17enne Arturo Puoti

La vittima, Arturo Puoti, con i familiari

Novità sul caso Arturo Puoti, il 17enne che venne accoltellato e gravemente ferito da una baby gang nei pressi di piazza Cavour. La procura dei minorenni di Napoli ha, infatti, acquisito la perizia eseguita sul cellulare di un 13enne, questi ritenuto coinvolto nell'aggressione.

La perizia, secondo l'avvocato difensore del 13enne, dimostra che quando scattò l'aggressione il giovane era impegnato in una partita di calcetto in un campetto parrocchiale. Il legale Carla Mazurelli, difensore dell'accusato, ha collaborato con lo stesso professionista che aveva eseguito le perizie per il caso Tiziana Cantone, Carmine Testa.

Aggressori, da 'o Nano video-beffa in comunità

L'analisi delle telefonate, delle chat e dei post social del 13enne dimostrerebbero – secondo la difesa – che dalle 16.44 alle 19 del 18 dicembre 2017 il ragazzino era in compagnia di altri minorenni e dell'allenatore per una partita di calcetto.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio

  • Lutto nella moda, scompare la signora Di Fiore Settanni: era emblema dello stile caprese

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Allerta meteo su Napoli, parchi cittadini chiusi il 16 ottobre

  • Temporali in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

Torna su
NapoliToday è in caricamento