Sit in vittime dei preti pedofili: "Servono denunce penali contro chi ha compiuto abusi"

"Curia napoletana dia risposte e aiuti la Magistratura a fare chiarezza"

“Siamo certi che il Cardinale Sepe risponderà alle richieste delle vittime dei preti pedofili che hanno avviato un sit in nei pressi del Duomo di Napoli per avere notizie sull’esito dei procedimenti canonici in corso contro i responsabili degli abusi”. A lanciare l’appello il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, per il quale “bisogna fare chiarezza su quanto è successo nella chiesa napoletana per rispetto dei tanti fedeli, ma soprattutto per dare risposte a chi ha subito quegli abusi ai quali va la nostra piena e totale solidarietà, oltre alla disponibilità a sostenerne tutte le battaglie per la ricerca della verità e della giustizia”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Chiaramente non può bastare un processo canonico, ma servono anche denunce penali perché chi ha commesso abusi sessuali, spesso su bambini e ragazzini, non può non essere condannato anche dalla giustizia civile” ha aggiunto Borrelli per il quale “la Curia napoletana deve garantire la massima collaborazione alla Magistratura per l’accertamento della verità su quanto denunciato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento