Presunto prete pedofilo a Ponticelli, il Papa riapre il caso

Bergoglio vuole un approfondimento del dossier, anche alla luce delle nuove dichiarazioni della vittima di presunti abusi

Papa Francesco

La richiesta è venuta direttamente da Papa Francesco: riaperto il caso del prete di Ponticelli che era stato accusato di pedofilia. Il Pontefice, vuole capire se le indagini – ad opera prima della Curia partenopea e poi in Vaticano, ed archiviate nel 2016 – siano state fatte accuratamente.

Bergoglio vuole un approfondimento del dossier, anche alla luce delle nuove dichiarazioni della vittima di presunti abusi, l'ora 40enne Arturio Borrelli. L'uomo ha denunciato il parroco della sua zona, che avrebbe abusato di lui quando era adolescente, 13 anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ero dominato dalla sua personalità, lusingato da questa amicizia. Quando succedeva ero impietrito – ha dichiarato al Mattino – all'epoca non ne parlai con nessuno per vergogna". Diventato marito e padre, andò dallo psicoterapeuta per gli attacchi di panico che lo affliggevano. Lì emersero i traumi della sua adolescenza. Ne sono seguite denunce, in prescrizione quella fatta ai carabinieri, archiviata quella alla diocesi napoletana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento