A Ponticelli un poliambulatorio di Emergency: "Avrà valenza sociale"

Il fondatore Gino Strada ha incontrato il direttore generale della Asl Napoli 1, Ernesto Esposito, e il sindaco de Magistris. "spero che la procedura abbia tempi rapidi perché la gente ha bisogno anche di questa struttura"

Gino Strada

A breve Emergency potrà far arrivare la propria esperienza con un poliambulatorio a Ponticelli. Altre iniziative del genere sono state già avviate in Italia a Palermo, Marghera, Castel Volturno e Polistena. Il fondatore Gino Strada ha incontrato nelle scorse ore il direttore generale della Asl Napoli 1, Ernesto Esposito, e il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. Una riunione che è servita per capire a che punto è arrivato il progetto che Asl ed Emergency sottoporranno alla Regione Campania e al Comune di Napoli.

Il polimabulatorio sarà allestito nel parco De Filippo, riaperto qualche tempo fa dopo essere stato vandalizzato. "La volontà da parte delle istituzioni c'é - ha commentato Strada - spero che la procedura abbia tempi rapidi perché la gente di Ponticelli ha bisogno anche di questa struttura". Il poliambulatorio, infatti, non sarà destinato solo agli stranieri temporaneamente residenti, ma anche agli utenti di Barra-Ponticelli, che, secondo i dati, sono circa 100mila. "Il poliambulatorio ha una valenza sociale - ha aggiunto Strada - Ponticelli non è certo uno dei quartieri più facili della città. Seguiamo questo percorso e andiamo di corsa per dare risposte".

A breve, ha fatto sapere de Magistris, "sarà firmato un atto tra Regione, Comune, Asl ed Emergency, attraverso il quale assegneremo questo bene, il parco De Filippo, di circa 700metri quadri". Per il sindaco, la collaborazione per la nascita del poliambulatorio è "una risposta significativa per la gente del quartiere". A Ponticelli il primo passo sarà partire con una struttura mobile, nell'attesa che siano avviati i lavori per l'immobile che ospiterà poi il poliambulatorio. Asl Napoli 1 ed Emergency hanno messo a punto un progetto che sarà presentato alla Regione Campania e al Comune di Napoli. "Una forma di collaborazione che permette risparmio di risorse e miglioramento dei servizi erogati - ha concluso Esposito - Con il progetto apriamo l'Asl a nuove forme di collaborazione, nell'interesse di chi si rivolge al servizio sanitario. L'obiettivo è diventare un modello replicabile anche in altre Asl". (Ansa)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1103 casi in Campania: l'aggiornamento della Protezione civile

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Schianto su corso Campano, sbalzati dallo scooter: paura per due ragazzi

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

Torna su
NapoliToday è in caricamento