Pizzo per il clan Cesarano: in manette un 48enne

Aveva chiesto 100mila euro ad un imprenditore di Castellammare e lo aveva aggredito perché non voleva pagare

Gli investigatori lo ritengono vicino al clan Cesarano di Ponte Persica. Ma soprattutto responsabile di un'aggressione ad un commerciante a cui aveva chiesto il pizzo ma che non voleva pagare. Per questo motivo è stato arrestato un 48enne di Castellammare di Stabia su ordine del Gip del tribunale di Napoli e su richiesta della procura antimafia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad eseguire l'ordinanza di custodia cautelare in carcere sono stati gli agenti del commissariato di Castellammare con l'accusa di tentata estorsione e lesioni aggravate dal metodo mafioso. Lo scorso dicembre aveva chiesto una tangente da 100mila euro ad un imprenditore cittadino che però non aveva pagato. In un'occasione ad agosto allora lo aveva anche aggredito per intimidirlo. L'arrestato è attualmente nel carcere di Poggioreale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

Torna su
NapoliToday è in caricamento