Una pizza contro il razzismo: da Sorbillo i rifugiati dello Sprar

L'iniziativa si terrà nella storica sede della pizzeria in via dei Tribunali

Domani, martedì 26 febbraio, alle 12,30 i rifugiati e richiedenti asilo dello Sprar di Caserta incontreranno il pizzaiuolo napoletano Gino Sorbillo nella storica sede della sua pizzeria in via dei Tribunali, recentemente danneggiata da un ordigno fatto esplodere al suo ingresso. Il nome dell'iniziativa è una "Pizza contro il razzismo".

Parteciperanno alla giornata anche i tirocinanti pizzaioli che hanno seguito la formazione in una pizzeria di Caserta.
Lo Sprar di Casera è sede del progetto di accoglienza e inclusione tra i più grandi della Campania, ed ospita 170 beneficiari. "Con Gino Sorbillo vogliamo unire le forze per sconfiggere camorra e razzismo", spiegano i responsabili del Centro sociale Ex Canapificio, che gestisce lo Sprar.

Potrebbe interessarti

  • Capri, in vendita casa da sogno con meravigliosa vista sul Golfo

  • I farmaci generici sono davvero uguali a quelli di marca?

  • Il fiore delle streghe: come riconoscere la pianta assassina e perché è pericolosissima

  • Oleandro: perché bisogna stare molto attenti a questa pianta

I più letti della settimana

  • Presunto furto in autogrill per la moglie di Gianni Nazzaro: arrestata

  • Lutto nel mondo di Un Posto al Sole, addio alla "madre" di Giulia Poggi

  • Colpo di scena: il Chelsea prova a convincere Sarri a restare a Londra

  • Tony Colombo elogia i piatti preparati dalla moglie Tina: "Donne italiane, curate i vostri mariti"

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 17 al 21 giugno

  • Scuse di D'Alessio e D'Angelo: la parodia di Palma e Cicchella è virale

Torna su
NapoliToday è in caricamento