Una pizza contro il razzismo: da Sorbillo i rifugiati dello Sprar

L'iniziativa si terrà nella storica sede della pizzeria in via dei Tribunali

Domani, martedì 26 febbraio, alle 12,30 i rifugiati e richiedenti asilo dello Sprar di Caserta incontreranno il pizzaiuolo napoletano Gino Sorbillo nella storica sede della sua pizzeria in via dei Tribunali, recentemente danneggiata da un ordigno fatto esplodere al suo ingresso. Il nome dell'iniziativa è una "Pizza contro il razzismo".

Parteciperanno alla giornata anche i tirocinanti pizzaioli che hanno seguito la formazione in una pizzeria di Caserta.
Lo Sprar di Casera è sede del progetto di accoglienza e inclusione tra i più grandi della Campania, ed ospita 170 beneficiari. "Con Gino Sorbillo vogliamo unire le forze per sconfiggere camorra e razzismo", spiegano i responsabili del Centro sociale Ex Canapificio, che gestisce lo Sprar.

Potrebbe interessarti

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • Fusaro: riapre il frutteto borbonico. Toccherà quindi alla pista ciclabile

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

  • Sabbia in casa: come liberarsene

I più letti della settimana

  • Boato a Giugliano, esplode una villetta. Il sindaco: "Due feriti gravi"

  • Muore Annamaria Sorrentino: era precipitata dal terzo piano mentre era in vacanza in Calabria

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - Possibile scambio Hysaj-Schick con la Roma?

  • Temporeggiava sulla soglia del portone: in manette giovane spacciatrice

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Bimba napoletana autistica interrompe il Papa, Francesco: "Dio parla attraverso di lei"

Torna su
NapoliToday è in caricamento