Una pizza contro il razzismo: da Sorbillo i rifugiati dello Sprar

L'iniziativa si terrà nella storica sede della pizzeria in via dei Tribunali

Domani, martedì 26 febbraio, alle 12,30 i rifugiati e richiedenti asilo dello Sprar di Caserta incontreranno il pizzaiuolo napoletano Gino Sorbillo nella storica sede della sua pizzeria in via dei Tribunali, recentemente danneggiata da un ordigno fatto esplodere al suo ingresso. Il nome dell'iniziativa è una "Pizza contro il razzismo".

Parteciperanno alla giornata anche i tirocinanti pizzaioli che hanno seguito la formazione in una pizzeria di Caserta.
Lo Sprar di Casera è sede del progetto di accoglienza e inclusione tra i più grandi della Campania, ed ospita 170 beneficiari. "Con Gino Sorbillo vogliamo unire le forze per sconfiggere camorra e razzismo", spiegano i responsabili del Centro sociale Ex Canapificio, che gestisce lo Sprar.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento