Cani denutriti e maltrattati rinchiuse in una residenza di Giugliano: nei guai una 48enne

I carabinieri forestali del nucleo Cites hanno individuato due pitbull e un meticcio, rinchiusi in una residenza privata a Giugliano. La 48enne è stata denunciata

I carabinieri forestali del nucleo Cites di Napoli hanno individuato all’interno di una residenza di Giugliano alcuni cani detenuti in pessime condizioni igienico-sanitarie. Con la collaborazione di personale medico veterinario dell’ASL Napoli 2 Nord, i militari hanno riscontrato che due pitbull e un meticcio non fossero registrati all’anagrafe canina e che fossero sporchi, malnutriti e legati con catene così corte da non consentire movimenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Circondati dai loro stessi escrementi, gli animali vivevano tra erbacce e arbusti infestanti. A finire nei guai una 48enne incensurata del posto, denunciata dai carabinieri per maltrattamento di animali. I cani sono stati sequestrati, registrati all’anagrafe con l’impianto dei previsti chip e affidati alle cure di un canile di Giugliano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

Torna su
NapoliToday è in caricamento