Piccione viaggiatore in pericolo: il salvataggio delle guardie Empa

Il volatile d'allevamento era rimasto bloccato sotto delle pedane in legno ammassate a Casalnuovo. È stato curato e portato al presidio veterinario ex Frullone, in attesa che il proprietario lo reclami

Colombo d'allevamento

Si era rifugiato sotto delle pedane in legno ammassate in un'area di Casalnuovo, rimanendo bloccato: un piccione viaggiatore è stato tratto in salvo dalle guardie Empa, Ente Mediterraneo Protezione Animali.

Ricevuta la segnalazione, le guardie sono prontamente intervenute. Il volatile aveva un piccolo anello riportante il numero di matricola. Una volta liberato e nutrito, il colombo è stato trasferito presso il presidio ospedaliero veterinario ex “Frullone”, in attesa che il proprietario lo reclami.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I piccioni viaggiatori come quello salvato dall'Empa sono d'allevamento, e al contrario dei volatili di strada (detti “torraioli”) si fanno facilmente avvicinare dagli uomini: vengono impegnati – soprattutto da marzo ad ottobre – in attività sportive di società colombofile che provvedono anche al loro sostentamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Frecce tricolori a Napoli: le immagini spettacolari

Torna su
NapoliToday è in caricamento