"Il vecchio proprietario ci deve dare diecimila euro: ora ce li dai tu". Arrestati due napoletani

I due, 50 e 59 anni, napoletani, avevano preteso il pagamento di un debito insoluto dal nuovo gestore di un'attività commerciale in Piazza Garibaldi

Questa mattina gli agenti della Polizia di Stato della Squadra Mobile partenopea hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico del 50enne G.D.S. e del 59enne S.M.P, entrambi napoletani, emessa GIP del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica per il reato di tentata estorsione aggravata. Una mirata ed accurata indagine svolta dai poliziotti ha consentito di accertare che i due uomini, pluripregiudicati già arrestati per diversi reati, lo scorso maggio avevano minacciato il titolare di un esercizio commerciale in Piazza Garibaldi, pretendendo da lui il pagamento di diecimila euro per un credito che i due estorsori asserivano di vantare dal proprietario dell’esercizio commerciale.

Nonostante la vittima fosse impaurita dai modi particolarmente aggressivi e intimidatori usati dai due uomini, aveva tentato di spiegare che, all’atto della compravendita del negozio di Piazza Garibaldi, non era stata lasciata a suo carico alcuna pendenza o eventuali debiti insoluti. I due delinquenti, incuranti delle sue spiegazioni lo hanno minacciato, pretendendo il pagamento entro una settimana della cifra intera se non corrisposta dal vecchio titolare. ​Questa mattina i poliziotti hanno bloccato i due uomini nelle loro abitazioni e li hanno condotti al carcere di Poggioreale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio

  • Lutto nella moda, scompare la signora Di Fiore Settanni: era emblema dello stile caprese

  • Lutto in casa Napoli: si è spento Mistone, terzino in azzurro negli anni '50 e '60

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Cosa ci fa una cuccia al centro di Piazza Garibaldi? La risposta

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

Torna su
NapoliToday è in caricamento