Universiadi, cambia il piano traffico: la nuova ordinanza

L'ordinanza è valida dal 1 luglio e si deve ad un confronto tra l'amministrazione e la Questura seguito all'entrata in vigore del primo piano traffico

Traffico sul lungomare, foto Fb Angelo Pisani

A partire da domani 1 luglio cambia il dispositivo di traffico ad hoc per le Universiadi, con percorsi differenziati per i veicoli degli atleti e per i veicoli privati. "In seguito ad approfondimenti con la Questura di Napoli - recita la nuova ordinanza - sono state condivise le seguenti modifiche alla viabilità:

1) inversione del senso di marcia di via Giordano Bruno, da piazza della Repubblica a piazza Sannazaro, per consentire una riduzione del traffico di via Piedigrotta;
2) senso unico di circolazione in viale Antonio Gramsci, da piazza Sannazaro a piazza della Repubblica, che sarà dedicato al traffico ordinario;
3) spostamento del corridoio per gli atleti su via Caracciolo nel tratto parallelo a viale Gramsci, da piazza della Repubblica a via Sannazaro (con ritorno su viale Antonio Gramsci, da piazza Sannazaro a piazza della Repubblica, in corsia promiscua).
 
Novità anche lungo via Caracciolo dove, da piazza della Repubblica a via Sannazaro, viene istituita una corsia riservata ai veicoli che trasportano gli atleti partecipanti ed i mezzi di servizio delle Universiadi. In essa è consentito il transito anche ai veicoli dei residenti delle seguenti strade: via Francesco Caracciolo (tratto da piazza della Repubblica a via Sannazaro), via Giambattista Pergolesi (tratto da piazza della Repubblica a via Sannazaro), via Ferdinando Galiani (tratto da piazza della Repubblica a via Sannazaro), via Tommaso Campanella (tratto da viale Antonio Gramsci a via Francesco Caracciolo).

Istituiti sensi unici di circolazione in via Giordano Bruno, da piazza della Repubblica a piazza Sannazaro; viale Antonio Gramsci, da piazza Sannazaro a piazza della Repubblica; via Francesco Caracciolo, da piazza della Repubblica a via Sannazaro.

Previsto obbligo di svoltare a destra su via Sannazaro, per i veicoli circolanti in via Francesco Caracciolo e provenienti da piazza della Repubblica; obbligo di svoltare a sinistra su via Sannazaro, per i veicoli circolanti in via Francesco Caracciolo e provenienti da via Posillipo/largo Sermoneta/via Mergellina; obbligo di svoltare a sinistra su piazza della Repubblica per poi immettersi in via Riviera di Chiaia per i veicoli circolanti in viale Antonio Gramsci eccetto che per i veicoli che trasportano gli atleti partecipanti o a servizio delle Universiade o i veicoli diretti al passo carraio del Consolato degli Stati Uniti d'America. Questo potranno immettersi in rotatoria per proseguire su viale Anton Dohrn o su via Francesco Caracciolo.

Come cambia la viabilità per le Universiadi

Le polemiche

iano traffico Universiadi, imbottigliamenti in tutta la città. "Sono inviperito"Numerose erano state le polemiche successive all'entrata in vigore del primo piano traffico.  "Sono inviperito - aveva spiegato il presidente della commissione Trasporti in Consiglio comunale Nino Simeone a NapoliToday - Le auto che vengono dalla zona Est si imbottigliano su via Marina verso la galleria Vittoria, le auto che vengono dalla zona ovest-Fuorigrotta imbottigliate sul lungomare, riviera di Chiaia e galleria Vittoria" "C'è gente che si sente male, al centro storico c'è il caos, le macchine scelgono strade secondarie per avere un po' di strada libera e si sta bloccando tutto anche al Museo. Da mesi sto dicendo che si deve aprire piazza Dante e purtroppo devo dire che avevo ragione".

Durissimo era stato anche il presidente della prima Municipalità Francesco de Giovanni: "Gli scienziati che hanno predisposto il piano traffico per le Universiadi hanno messo in ginocchio un'intera città. Stamane il bacino centrale di Chiaia e la zona di Mergellina erano un groviglio di lamiere, con cittadini letteralmente impazziti e spossati dal traffico. Non c'è controllo o Polizia Locale che tenga! Anzi tutta la nostra solidarietà agli agenti impiegati in strada, sotto il sole, nel silenzio assoluto del loro sindacato di maggioranza. Il dispositivo va cambiato senza se e senza ma perché ha fallito senza possibilità d'appello. Un dispositivo non concordato con la Municipalità e, come al solito, calato dall'alto e, visti i risultati, studiato nei comodi e freschi uffici di Palazzo San Giacomo, senza alcuna visione pratica dei problemi. E intanto ad esser colpiti da cotanto pressapochismo sono, come al solito, i cittadini, le attività commerciali, i lavoratori, il tessuto produttivo territoriale, i bambini".


 

Potrebbe interessarti: http://www.napolitoday.it/cronaca/traffico-28-giugno-2019.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/NapoliToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella famiglia di Made in Sud: "Era da sempre nostra prima sostenitrice"

  • Muore sulla tomba del figlio: tragedia nel cimitero

  • Scossa di terremoto nella notte: l'evento di magnitudo 2.8 nella zona flegrea

  • Nutella Biscuits introvabili? A Napoli arrivano i "Nicolini"

  • "Concorsone": gli elenchi degli ammessi nella categoria C

  • Terremoto, l'Osservatorio Vesuviano: "Il più forte dalla ripartenza del bradisismo nel 2006"

Torna su
NapoliToday è in caricamento