Baby gang, terrore nella metro: petardi contro i passanti

La denuncia è di Francesco Borrelli dei Verdi. Stavano per colpire anche una bambina piccola. Vandali anche a piazza Carolina

Una babygang terrorizzava con petardi le persone in entrata e uscita dalla stazione della metro di Materdei. La denuncia, di un episodio relativo a domenica sera, è dei Verdi, che chiedono di "intervenire con maggiori controlli, via la genitorialità ai genitori delinquenti". E aggiungono: "Vandali in azione anche in piazzetta Carolina".

“Domenica sera si è verificata l’ennesima vergogna all’interno delle stazioni della metropolitana linea 1 - sono le parole del consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli - Un gruppo di giovani teppisti ha fatto esplodere una serie di petardi all’interno della stazione, mettendo a repentaglio anche l’incolumità di una bambina piccola che si trovava in un carrozzino. I petardi hanno anche danneggiato il pavimento, costringendo il personale delimitare alcuni tratti”.

“Questo - prosegue il consigliere - accadeva mentre, in piazzetta Carolina, gruppetti di ragazzini erano intenti a danneggiare un’edicola, in mezzo alla spazzatura lasciata in strada dagli incivili. Il fenomeno del teppismo giovanile rappresenta un problema sempre più grave. Bisogna intervenire con maggiori controlli e con un provvedimento legislativo che permetta di revocare la genitorialità a delinquenti e camorristi. Spesso i componenti delle babygang sono emanazione di quei contesti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto: nuove modalità di pagamento e sconti. Le novità

  • Maximall Pompeii: 200.000 mq di attività turistico-commerciali per 1.500 posti di lavoro

  • Virus dalla Cina, intervista al virologo: "Allarme ingiustificato. Fa più paura l'influenza"

  • Giallo a Mergellina: donna trovata morta in casa in un lago di sangue

  • La Polizia Penitenziaria a Tina Colombo: "Non prenda in giro i napoletani"

  • Ora legale, lancette in avanti di un'ora: la data

Torna su
NapoliToday è in caricamento