Baby gang, terrore nella metro: petardi contro i passanti

La denuncia è di Francesco Borrelli dei Verdi. Stavano per colpire anche una bambina piccola. Vandali anche a piazza Carolina

Una babygang terrorizzava con petardi le persone in entrata e uscita dalla stazione della metro di Materdei. La denuncia, di un episodio relativo a domenica sera, è dei Verdi, che chiedono di "intervenire con maggiori controlli, via la genitorialità ai genitori delinquenti". E aggiungono: "Vandali in azione anche in piazzetta Carolina".

“Domenica sera si è verificata l’ennesima vergogna all’interno delle stazioni della metropolitana linea 1 - sono le parole del consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli - Un gruppo di giovani teppisti ha fatto esplodere una serie di petardi all’interno della stazione, mettendo a repentaglio anche l’incolumità di una bambina piccola che si trovava in un carrozzino. I petardi hanno anche danneggiato il pavimento, costringendo il personale delimitare alcuni tratti”.

“Questo - prosegue il consigliere - accadeva mentre, in piazzetta Carolina, gruppetti di ragazzini erano intenti a danneggiare un’edicola, in mezzo alla spazzatura lasciata in strada dagli incivili. Il fenomeno del teppismo giovanile rappresenta un problema sempre più grave. Bisogna intervenire con maggiori controlli e con un provvedimento legislativo che permetta di revocare la genitorialità a delinquenti e camorristi. Spesso i componenti delle babygang sono emanazione di quei contesti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

Torna su
NapoliToday è in caricamento