Piscinola, misterioso pestaggio su un autobus: due fermati

L'episodio è avvenuto nella notte di venerdì. Nessuno, vittima o aggressori, ha fornito una spiegazione convincente dell'accaduto

Un misterioso pestaggio ai danni di un 39enne è avvenuto nella notte di venerdì nel quartiere napoletano di Piscinola.

Quattro giovani si sono avvicinati alla vittima, che era in attesa di un autobus alla fermata in via San Rocco. I quattro hanno cominciato ad inseguire e picchiare con calci e pugni l'uomo, mentre tentava di salire sul bus.

Il conducente ha prontamente avvertito il 112 ed i quattro si sono allontanati a bordo di una Fiat Panda. Dopo poco, però, i teppisti hanno sbarrato la strada al mezzo pubblico con l'auto, per risalire sul bus e continuare il pestaggio interrotto. Ancora una volta, però, la fermezza del conducente, che non ha aperto le porte, li ha messi nuovamente in fuga.

I Carabinieri, intervenuti d’urgenza in zona si sono messi alla ricerca dei quattro malviventi, trovando la loro auto parcheggiata in via Emilio Scaglione davanti a una cornetteria, all'interno della quale hanno bloccato due componenti del gruppo, napoletani di 19 e 22 anni già noti alle forze dell'ordine, mentre mangiavano dei cornetti alla cioccolata.

L’aggredito ha riportato contusioni e lievi lesioni, che non ha inteso far refertare. Nessuno, vittima o aggressori, ha fornito una spiegazione convincente dell’accaduto.

Nel frattempo continuano le indagini per identificare gli altri due componenti del gruppo fuggiti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prove d'evacuazione dei Campi Flegrei, un milione di telefoni squilleranno in contemporanea

  • Eruzione Campi Flegrei, simulata l'evacuazione anche a Napoli

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • La migliore pizza fritta del mondo è di Melito: per celebrare il titolo pizze gratis per tutti

  • Un Posto al Sole, anticipazioni: pesanti le accuse per Diego

  • Raffica di controlli al Rione Sanità: centinaia di persone identificate

Torna su
NapoliToday è in caricamento